Sei qui: HomeDa scoprireEnogastronomiaLe nostre ricetteOsi da Morto
ricette
Osi da Morto
Un po' di storia...
No, Halloween non c’entra, ma si narra che nella notte tra l’1 e il 2 Novembre le anime dei defunti tornino dall’aldilà: il viaggio che li separa dal mondo dei vivi è lungo e faticoso e per questo motivo viene preparato un ristoro che li renda maggiormente benevoli per i giorni a venire. Ricette per questi golosi omaggi si ritrovano un po' in tutta Italia. Nel trevigiano, i Osi da morto nascono nel 1851 a Salgareda dal fornaio Piovesan, e nessuno rabbrividisce al pensiero di sgranocchiare un osso in un’area dove la festa più attesa dell’anno è stata per secoli l’ammazzatura del maiale a cui seguiva una sontuosa “ossàda”.
Ingredienti
250 gr. di farina di frumento
15 gr. di lievito di birra
30 gr. di burro
30 gr. d’olio extravergine di oliva
50 gr. di zucchero
40 gr. di miele
1 bicchierino di anice
1 albume
sale q.b.
Preparazione
Preparate la pasta da pane con farina, lievito e un pizzico di sale, quindi lasciatela lievitare.
Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente, tagliatelo a pezzetti, mettetelo in una ciotola e lavoratelo a crema sbattendo con un cucchiaio di legno.
Incorporate l’olio, lo zucchero, il miele e il bicchierino d’anice.
Stendete pasta lievitata e amalgamatela con gli altri ingredienti fino ad ottenere una consistenza abbastanza morbida.
Dividete la pasta a pezzi, ricavate dei cilindretti grossi come un dito mignolo e tagliateli a pezzetti di circa 10 cm di lunghezza; premeteli al centro con la mano aperta lasciando le estremità un po’ più spesse, in modo che prendano la tipica forma di un osso.
Disponete i biscotti su una placca rivestita di carta forno tenendoli leggermente distanziati e infornateli per 25-30° a 170°C.
Toglieteli dal forno quando sono ancora morbidi e spennellateli con l’albume sbattuto, quindi lasciateli raffreddare almeno per una notte.
Il giorno dopo, rimettete la teglia nel forno per farli biscottare a fuoco tiepido fino a quando non saranno diventati friabili.

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.