Sei qui: HomeItinerariMontello e Colli AsolaniMontello & Colli Asolani tra arte e passatoArcheologia nel Montello e Colli Asolani
arccheologia
Archeologia nel Montello e Colli Asolani
Numerosi gli insediamenti e le tracce archeologiche nell'area del Montello e dei Colli Asolani.
Punto di passaggio della Via Claudia Augusta, strada fondamentale per lo sviluppo della Marca, ancora oggi costituisce un enigma sul suo tracciato. Molte sono le versioni del suo percorso e alcune tracce possiamo trovarle proprio a Nervesa della Battaglia.
Esempio di città murata è Asolo, con la Rocca che fu insediata ancora in epoca veneta, poi sede di una guarnigione militare ed infine città sotto presidio veneziano con la Regina Cornaro.
Resti lasciati dal Feudo degli Ezzelini sono una quercia pluricentenaria presso la Rocca di Cornuda e l'antico sito del castello a Maser,  la cui testimonianza è una cisterna pozzo.
Proprio nel cuore del Montello le testimonianze affermano che fosse presente la Certosa di Santa Maria e San Girolamo, di cui oggi rimangono poche tracce, ma che fu un importante luogo di cultura, al punto che proprio tra le sue mura sembra sia stato scritto il famoso Galateo di monsignor Della Casa.


Iniziativa finanziata dal programma di Sviluppo Rurale per il veneto 2007 – 2013
Organismo responsabile dell'informazione: Provincia di Treviso
Autorità di gestione: Regione del Veneto – Piani e Programmi del Settore Primario
Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.