Sei qui: HomeItinerariMontello e Colli AsolaniMontello e Colli Asolani a tavolaCiliegia dei Colli Asolani
ciliegia
Ciliegia dei Colli Asolani
L'area che va da Cornuda ad Asolo, nei territori collinari di Asolo, Maser, Coste e Crespignaga nel periodo tra marzo ed aprile s'imbianca grazie alla fioritura dei ciliegi, uno spettacolo della natura! Grazie al clima dolce delle colline le ciliegie asolane sono le prime ad apparire nei mercati italiani.
I frutti si trovano solo per un breve periodo dell’anno, che va da maggio a fine luglio. 
Tra fine maggio ed inizio di giugno si svolge invece la mostra della ciliegia di Maser.
Testimonianze attestano la coltivazione della ciliegia in questa zona a partire dall'epoca medievale.   
Nella coltivazione della ciliegia dei colli asolani le piante sono tenute basse e ravvicinate, per poterne agevolare la raccolta che avviene ancora a mano per evitare di danneggiare il prodotto. 
Dopo la fioritura, avvenuta la fecondazione, si formano le ciliegie, riunite in grappoli, dal colore rosso. Le piante impiegano 4 o 5 anni prima di entrare in piena produzione per poi produrre in media dai 10 ai 40 kg di frutta. La conservazione del prodotto è molto limitata vista la deperibilità dei frutti, che a poche ore dalla raccolta vanno posti in celle frigorifere.  
Molte sono le proprietà delle ciliegie dei Colli Asolani: ricche di vitamine A, B1 e B, contengono inoltre proteine, zucchero, calcio, magnesio, ferro, fosforo, sali minerali di potassio. Note per i principi disintossicanti e depurativi favoriscono un’azione diuretica, antiurica e sono moderatamente lassative.
Logo_Regione_Veneto_ITA Iniziativa finanziata dal programma di Sviluppo Rurale per il veneto 2007 – 2013
 Organismo responsabile dell'informazione: Provincia di Treviso
 Autorità di gestione: Regione del Veneto – Piani e Programmi del Settore Primario

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.